La Joie de Vivre - Progetto PTOF “Educare alla pace” - Mostra didattica multimediale

Desiderare il cielo

È tutta qui l'arte dell'ebreo russo Marc Chagall, trascrizione francese di Mark Zakharovic Sagall, che in russo significa ''camminare a grandi passi" verso il cielo e la libertà di immaginare un mondo nuovo.
L'esistenza di Marc Chagall percorse un arco temporale piuttosto lungo (1887-1985) tanto da assistere in prima persona ai due conflitti mondiali.
La sua storia personale fu attraversata da continue incomprensioni, malinconie, sofferenze e lutti; tuttavia non smise mai di rappresentare la meraviglia e la bellezza della vita.
I suoi dipinti sono paesaggi dalle coordinate spazio-temporali insolite. Sono abitati da coppie di innamorati e da animali trasfigurati e umanizzati, da rabbini e violinisti tutti rappresentati in pose acrobatiche come i circensi, anch'essi tra i suoi personaggi prediletti.


Dipinse favole e spettacoli incantati non privi di tinte tragiche, specchio dei deliri del proprio tempo: la guerra, la rivoluzione, le persecuzioni naziste.
Fu un pittore mistico nel senso laico del termine: anelava a un mondo "altro", a una "realtà capovolta", ancorata al suo sogno "infantile" di un cielo sempre più blu.
La mostra multimediale proposta in questo anno scolastico, contrassegnato da angoscia e paura a causa della pandemia, vuole essere uno stimolo per la comunità scolastica a realizzare nonostante tutto, nell'oggi, relazioni responsabili – “CARPE DIEM” - con se stessi, con l'ambiente, con gli altri e con l'Altro, per ritrovare nel profondo del proprio essere la tanto desiderata "gioia di vivere".

Prof. Lazzaro Napolitano

Prof.ssa Cinzia Vasile